capitolo

23 (Nuove regole)

 Ciao! Io sono Luca e sto cambiando!

Nessuno dice che sia facile ma se non cominciate a programmare un cambiamento non lo saprete mai!

E cambierò le cose drasticamente. Perché “non si può decidere di cambiare drasticamente le cose senza cambiare le cose drasticamente!

Per “cambiare” intendo azioni e conseguenze.

Per “cose” intendo obbiettivi e risultati!”

Ok è tutta roba che mando a memoria ma Massi e Gabri applaudono ed è un ottimo segno!

Insomma, ragazzi, ora mi sento parte di qualcosa ed è figo da paura!

Certo, far parte de “illatooscuro” non è uno scherzo. Se non prendi la cosa di petto sei fuori. Conoscere due confratelli come Gabri e Massi mi ha aiutato. Non mi nascondo certo dietro un dito. Ma non ringrazio nessuno per questo. sono due amici, io li ho conquistati, io ho chiesto loro di entrare in illatooscuro, io, con le mie parole e le mie azioni li ho convinti ad accettarmi. La buona notizia è che attualmente la confraternita conta due soli membri ma non è forse per questo il miglior momento per entrare a farne parte? Farlo adesso può significare più facilità di accesso ai livelli più alti, meno concorrenza, e più attenzione nei vostri confronti da parte degli anziani. Io sono dentro illatooscuro da qualche settimana e studio sodo. Farvi parte richiede sacrifici quotidiani, costanza, esercizio e una pedissequa osservanza dell’oscurocodice che naturalmente comprende un oscurodecalogo, un oscurovocabolario, un’oscuragrammatica, un’oscuradieta e un oscurocontratto da utilizzare nell’infausto caso in cui ci si trovi a gestire una relazione coatta nel medio-lungo periodo. Può suonarvi spaventoso, ma alla fin fine non si tratta che di qualche tomo dalla copertina nera da sfogliare, un po’ di esercizio fisico da praticare, qualche domanda a cui rispondere a tono.

Ora se non vi dispiace, parto con la ginnastica. Due serie da 50 di addominali alti, due di addominali bassi, due di addominali laterali destri e due di addominali laterali sinistri. Quindi tre serie da cinquanta di piegamenti e posso uscire di casa, scendere giù fino alla piramide, piegare sulla destra e fare l’Aventino fino alla FAO, girare per Caracalla e risalire verso San Saba. Oggi è il mio ventiduesimo giorno e, doveste incontrarmi per strada stentereste a riconoscermi, giuro. Gabri dice che sono molto più tonico, che si vede dalla postura. Io non mi specchio perché… sapete perché! Ma Massi dice che supererò anche questa. Che la mia nuova vita sarà tutta in discesa. A patto che segua i dettami de illatooscuro, ovvio!

Per pranzo ho pronto il mio frullato di uova, guacamole, olio di fegato di merluzzo e lardo di colonnata. Detto tra noi, fa davvero schifo, ma i ragazzi dicono che è tutta roba “di livello” e non voglio deluderli, hanno fatto tanto per me…

Nel pomeriggio mi dedico ai “tomi oscuri” lettura semplice, memorizzazione rapida, una “passeggiata”. Ignorare termini come questo è un ottimo esempio di ciò che sto imparando dai libri. Parole che costituiscono link alla “storia”, la mia storia, sono da segnare sul quaderno nero dei tabù. Mi ci alleno da un po’, “passeggiata” è uno dei più tosti, ma riuscirò presto a sostituirlo con “camminata”. Allenamento, ripetizione, e non pazienza, ma tenacia, costanza, forza. Tutto qui. Per risultati più duraturi l’intero passato va riqualificato in nulla, solo spazio mentale da bonificare con le giuste idee e le nuovissime tecniche d’interrelazione uomodonna-uomomondo de illatooscuro!

La lettura più importante è senza ombra di dubbio l’oscurodecalogo. Le regole da tenere a mente nell’agire quotidiano. I comandamenti dell’oscuro intendere. Dieci semplicissime regole che semplicemente possono decidere del destino di un uomo.

  1. Agisci solo per te

  2. Rinuncia a qualunque forma di solidarietà

  3. Escludi il passato

  4. Non piangere e non consolare.

  5. Ridi schierando i denti

  6. Mantieni i muscoli pronti

  7. Limita il parlare a risposte o rapidi ordini. Non hai tempo per le domande.

  8. Cammina accanto alla donna senza rivolgerle lo sguardo se non durante la sosta.

  9. Ricorda che sai sempre cosa fare, che nulla ti sorprende.

  10. Non indulgere in atteggiamenti equivoci. Il tuo corpo e il tuo volto esprimano la tua imperturbabilità

Queste regole sono potenti. Le adoro ma non lo dirò mai. Adorare non è una cosa che fa un adepto de illatooscuro. Noi non adoriamo niente, non amiamo nessuno. Le cose semplicemente ci piacciono. O ci disgustano. Quello che non rientra in queste due definizioni, non è di nostro interesse.

Il mio eventuale rapporto con Sara dovrà essere studiato e gestito perfettamente, è la mia prova, il mio test. Tutto è un test se non è già automatismo. Presto deciderò se e deciderò quando. Non mi racconto palle, potrei incappare in una relazione prolungata e voglio essere pronto a tutto. Tutta la mia attenzione va indirizzata su ciò che più d’ogni altra cosa può fare la differenza tra uno squallido e scialbo fidanzamento e una relazione chiara negl’intenti fin dal primo momento e come ogni sera da giorni mi tuffo tra i meandri del contratto perfetto.

* * *

(Pag. 1) Contratto di relazione coatta.

Sul nome del contratto

  1. Il nome del contratto non ha più nulla a che vedere con la sua durata. La prima stesura, affrettata, ed evidentemente corrotta da facile ottimismo, è stata opportunamente rimpiazzata da un più realistico 4+4 (quattro più quattro). Mesi, è chiaro.

4+4 (quattro più quattro)

  1. Il contratto, come accennato al punto uno, propone la formula del 4+4 (quattro più quattro). Per non incorrere nell’equivoco è bene sottolineare come, nonostante la sostanziale coincidenza della denominazione con la nota formula immobiliare di locazione che prevede un primo periodo di quattro anni e l’opzione per ulteriori quattro, si sia scelto, in questo caso, di ridurre il periodo a quattro mesi pur mantenendo invariata la formula dell’eventuale opzione.

Art. 1

  1. Quattro mesi è il periodo minimo per il quale entrambi i componenti della “coppia” si impegnano a riservare parte delle proprie risorse destinate al tempo libero alla ricerca di divertimenti che prevedano, consensualmente, l’utilizzo sessuale e/o intellettuale dell’altra persona. Se una delle due persone, senza ragionevole giustificazione1, si astenesse dall’impegno per un periodo continuativo di 38 gg. (trentotto giorni) la controparte potrà, qualora lo desiderasse, esigere la risoluzione del contratto con effetto immediato. Esigendo contestualmente quanto previsto dall’ art. 2.

Art. 2

  1. Al termine dei primi quattro mesi, chiunque tra i due componenti della “coppia” potrà esigere jure la risoluzione del contratto. La quale dovrà necessariamente accompagnarsi all’immediato allontanamento della persona indesiderata. A questa persona è riconosciuto il diritto di recuperare oggetti di sua proprietà eventualmente dimenticati o posteggiati nell’appartamento del richiedente la risoluzione. Il recupero degli oggetti avverrà entro e non oltre 30gg (trenta giorni) dalla esazione della risoluzione. Le due parti sceglieranno un giorno a testa (per es. lunedì e giovedì) e due fasi2 del giorno, una a testa (per es. prima mattina e terzo pomeriggio) lo sgombero dovrà avere luogo solo durante i giorni prescelti e solo durante una delle fasi prescelte. Dovrà inoltre avere luogo in un numero pari di sessioni in modo da garantire che giorni e fasi prescelte restituiscano sostanziale equilibrio rispetto alle preferenze espresse dai due

  2. componenti la coppia.

Art. 3

  1. In caso i due componenti della coppia, giunti al termine dei primi quattro mesi stabiliscano consensualmente di proseguire il rapporto, potranno farlo inaugurando una nuova fase 4+4 (quattro più quattro) e così ad libitum.

Art. 4

  1. Non è consentito/a per nessun motivo durante la relazione:

    • l’uso manipolatorio del pianto.

    • Il sacrificio interessato3 del proprio tempo in favore del partner.

    • La creazione di aspettative sull’agito del partner.

    • L’uso smodato4 del telefono sia cellulare che fisso.

    • La lamentela relativa ad un rifiuto5.

Art. 5

  1. Prima che il rapporto abbia inizio è utile accettare (legalmente) la preventiva rinuncia alla seguente serie di articoli.

    • Coccole post-coito.

    • Shopping di coppia.

    • Anello (anche se di plastica).

    • Fedeltà incondizionata.

La rinuncia preventiva a uno o più dei 4 (quattro) punti sopra esposti non costituirà, in alcun modo e per nessuno dei due componenti della coppia, impedimento. Ognuno di essi potrà anzi chiedere n 1 (una sola) volta uno dei succitati articoli, e/o esaudire una richiesta relativa ad uno dei sopra esposti 4 (quattro) punti. Tale gesto (l’esaudimento di una richiesta relativa ad uno dei succitati 4 quattro punti) andrà però inteso come concessione eccezionale e non costituirà quindi, in alcun modo, un precedente.

Art. 6

  1. la contravvenzione a una qualunque delle regole dettate dai cinque articoli precedenti darà luogo all’acquisizione della parte lesa del diritto alla rescissione immediata del contratto secondo le modalità sopradescritte. Laddove la contravvenzione venga altresì percepita dalla parte lesa secondo coefficienti di gravità non sufficienti alla divisione della coppia egli potrà richiedere che venga alla controparte comminata una qualunque delle pene di seguito elencate secondo un equilibrato criterio di gravità.

    • Cessione incondizionata del telecomando per giorni 7 (sette)

    • Pulizia giornaliera dell’appartamento condiviso (se conviventi) o della appartamento del partner (se non conviventi)

    • Concessione di 3 favori sessuali al giorno per 3 (tre) giorni, quali che siano.

Art. 7

Durante i giorni appena precedenti all’ovulazione, se dimostrato, è concesso alla donna di agire in palese stato di contravvenzione ai sopraccitati articoli senza incorrere in alcuna pena.

Nello stesso periodo è consigliabile che il partner sparisca dalla circolazione.

Attenzione!

Nessuna delle azioni compiute da donne in fase premestruale potrà in nessun caso essere considerato reato salvo ove differentemente previsto dal codice penale.

Accetto e sottoscrivo quanto previsto dal presente regolamento senza riserve e mi impegno a seguirne le prescrizioni e pagare nella misura delle sanzioni previste in caso di deviazione dallo stesso.

I contraenti

Lui

……………. Alla presenza di

…………………

Lei

…………….

Legale

…………….

(Pag. 2) Postille

1 Ciò che è ragionevole può essere dedotto tramite esposizione del problema a Gabri e Massi che come divinità pagane saranno lieti di concedere o negare n. 1 bollini ragionevolezza all’oggetto della questione.

2 Le fasi previste sono tre (prima seconda e terza) per ognuno dei periodi utili della giornata (mattina, pomeriggio, sera) per un totale di nove fasi.

3 Per Interessato si intende qui la elaborazione di atti di qualunque tipo, se compiuti in favore del partner, con contemporanea costituzione di una aspettativa che riequilibri il computo dei gesti altruisti.

4 Si intende per smodato un uso che non si fermi allo scambio di informazioni non già condivise e di n. 1 (una) effusione introduttiva più n. 1 (una) di commiato E che si abbandoni piuttosto alla reiterazione incontrollata degli stessi concetti (per esempio: “sono andata a fare la spesa e sono tornata (…) e quindi niente…ho fatto la spesa…”, ecc.

5 Il rifiuto è ammesso e incoraggiato. Esso è anzi alla base, se metabolizzato, di un rapporto ben costruito e di sicura riuscita.farefuorilamedusa 23

Standard

135 thoughts on “23 (Nuove regole)

  1. Dopo che le consulenze con Ciccio si sono rivelate poco praticabili, con conseguenze a lungo termine…. era il momento di passare a qualcosa di davvero serio! Per fortuna Luca ha colto la palla al balzo! Tutto scritto, contratto preventivo, tutto predisposto, allenamenti e atteggiamenti….
    Viva l’amore! 😛

  2. ok riprendo a leggerti dopo un po … e siccome sto per iniziare il capitolo 24 in una full immersion novembrina come piace a me ti scrivo solo che la prima parte mi ha ricordato tanto, ma proprio tanto, il protagonista di “il lato positivo” tra gli allenamenti, l’eccessivo essere propositivi e sopratutto ottusi verso il proprio futuro correndo veloci verso la meta con dei vistosissimi paraocchi che sporgono dalle tempie !

    • benapfel says:

      Ciao kriout, uno dei tanti cari amici che legge erilegge la medusa e commenti mi ha appena segnalato che non ho risposto a questo tuo di qualche settimana fa, quindi lo faccio ora con colpevle ritardo ma non è la prima volta che mi scappa un commento, questo dovrebbe andare a mia discolpa 🙂 pensa te!
      Ok:
      Il lato positivo. Ho perso quel film a malincuore, ma lo recupero oggi stesso, eh? se ne parlò benissimo, mi ricordo il trailer, ricordo di averlo segnato nella mia agenda mentale ma non funziona quella di ecopelle, perché dovrebbe funzionare quella mentale? Quindi grazie, perché se t’ho ricordato “il lato positivo” di cui si parla benissimo, dev’essere in qualche modo un complimento . E grazie per avermi ricordato di un fiulm che m’ero ripremesso di guardare.
      Un super abbraccio Kriout e 1000 scuse per il ritardo!

      Ben

      • beh in realtà più che altro mi hai ricordato il romanzo da cui il film è tratto 😛 e poi non credo debba preoccuparti di qualche commento che sfugge, tra i numerosissimi che ricevi ci può star benissimo 🙂

      • benapfel says:

        Ti ringrazio, Kriout, ma ci tengo davvero tanto a rispondere a tutti i commenti e finché reggo continuo. 🙂
        A presto.

        Ben

  3. ho adottato il latooscuro e anche le regole assomigliano molto alle mie….. temo di essere nevrotica come Lu! ma so che non durerà, e anche lui si accorgerà che le regole valgono solo quando stai da solo. il contratto mi piace, con qualche modifica lo potrei prendere in considerazione, giusto per sentirmi più tranquilla.

  4. Serata in montagna: 4 ragazze, un fanciullo che riesce a sopravvivere ai nostri discorsi da single incallite, toblerone e le tue Nuove Regole (insieme ad stralci di alcuni altri capitoli). Una lettura ad alta voce, per condividere quello che ci aveva fatto ridere, ma anche pensare. bravo ben, ti meriteresti un bel pezzo del toblerone anche tu! =)

    • benapfel says:

      Che meraviglia, ragazzi, più tardi mi compro un toblerone anch’io è me lo faccio con un po’ di bollicine e qualche amico per ricostruire la serata. effetti e sensazioni. Ma anche solo ora immaginarlo è una lusinga come poche. Grazie per questa suggestione prenatalizia con il blomanzo. avrei voluto essreci!

      Ben

  5. Ti volevo chiedere una cosa: hai già scritto tutto o vai scrivendo man mano che pubblichi?
    Perché questo mi sembra decisamente un capitolo interlocutorio, quasi per prendere tempo. Non mi è piaciuto molto

    • benapfel says:

      Ciao Daniele, è una domanda ricorrente 🙂 Dunque, ho un canovaccio nel quale è presente l’architettura dell”intero blomanzo con gli equilibri da gestire ecc. Ma non disdegno di apportare cambiamenti se mi sembra il caso. Ho ben chiari i personaggi, i percorsi e le suggestioni che vorrei trasferire fuori dal racconto. Inoltre sono convinto che in una lettura di filato il capitolo “interlocutorio” guadagnerebbe in prospettiva, perché messo in relazione diretta coi precedenti e i seguenti capitoli. Voglio però tranquillizzare sul fatto che non ho alcun bisogno di prendere tempo. Voglio dire, non è uno dei problemi che mi sto trovando ad affrontare nel prosieguo dell’esperimento. Certo, sul piano tecnologico sono molto indietro, e mi capita di dover chiedere in giro come si sistemano alcune parti del tema, i plugin ecc. e confesso che è frustrante non riuscire a rispondere a tutti i commenti in tempo reale ma sono difficoltà che ho messo in conto e mi sta bene così 🙂 Ok, sono contento che tu mi abbia scritto questa critica, spero, sinceramente, di poter contare sulla franchezza di tutti i lettori. Come loro, tu potete contare sulla mia.
      Un caro saluto, Daniele, e grazie ancora!

      Ben

  6. lucywithdiamonds00 says:

    Contratti… regole… ma in amore non vale tutto? Porre confini al sentimento può salvare, certo, però non si uccide l’irrazionalità di cui i il sentimento si nutre?
    Nonostante tutto, molto piaciuto 😉

    • benapfel says:

      Grazie milioni, cara Lucy!
      Sì, regole e cofini, in campo sentimentale, distruggono quasi tutto, e quel che rimane, a bene vedere, non è poi un granché, ma una regola che non non ha tutti questi effetti collaterali (almeno sulla carta) c’è! Me la disse una volta un amico.
      Ed è questa: the party is the party!
      Che c’entra? Boh!
      Bacioni

      Ben

    • benapfel says:

      AH ha ha ha Grazie, ssavato. Spero di arrivare in tempo coi prossimi decaloghi, regolamenti, aforismi, consigli, romanzi! 😉
      Un carissimo saluto.
      Ben
      -1h33′

  7. Non sono puntuale con le uscite ma ti seguo sempre!
    Anche io con i miei amici parlo( scherzando, è chiaro) di fare con le ragazze appena conosciute un contratto di 3 mesi in 3 mesi, rinnovabile! Per decidere se passare all’indeterminato ci vuole tempo 🙂
    Se mi dai l’ok pubblico il pezzo del contratto sul mio blog, ovviamente mettendo il link al tuo blog da dove l’ho preso

    • benapfel says:

      Certo phoebo, fallo pure, ma insieme al link specifica che si tratta di un estratto di un blomanzo a puntate che stai leggendo e bla bla bla… ok?
      Poi fammi sapere di nascosto l’effetto che fa! 😀

      Ben

    • benapfel says:

      Grazie a te, Emanuela, grazie due volte!
      Ben

      ATTENZIONE! MESSAGGIO SUBLIMINALE. NON STACCARE GLI OCCHI DAL MONITOR! – FARE FUORI LA MEDUSA E’ UN BLOMANZO A PUNTATE, PUOI LEGGERE LE ULTIME SUL PROGETTO SU http://www.facebook.com/farefuorilamedusa – E Se vuoi incollare i nostri adesivi sulla tua città chiedici come fare! FINE DEL MESSAGGIO SUBLIMINALE. CHIUDERE GLI OCCHI PER UN MINUTO E ALLONTANARSI IMMEDIATAMENTE DAL MONITOR!

  8. Per scrivere un commento per il romanzo a puntate on line, ho bisogno di ispirazione sia mediate la musica “Magari si vivesse solo di inizi, di eccitazioni da prima volta quando tutto ti sorprende e nulla ti appartiene ancora..(versi da una intensa canzone di Niccolò Fabi)….

    che la Letteratura….

    “E io intanto mi disinnamoravo. Ma disinnamorarsi è bruttissimo, tutti gli uomini ti sembrano scemi.. Non sai dove si sono ficcati quelli che ti possono amare.

    – Natalia Ginzburg –

    a bientot
    simoeffe dai molteplici blog….ispirati

    • benapfel says:

      “E io intanto mi disinnamoravo. Ma disinnamorarsi è bruttissimo, tutti gli uomini ti sembrano scemi.. Non sai dove si sono ficcati quelli che ti possono amare.
      Fantastica la Ginzburg… questo l’hai mai visto a teatro?
      A me piacerebbe tantissimo!
      Bentrovata Simo. E grazie per le utilissime ispirazioni 🙂

      Ben

  9. Insomma, Ben, dove stavi nascosto? Dove stava il tuo talento? Lo tenevi tutto per te, non è vero? Ma sono ben felice di averti scoperto!
    La figura di Luca mi è simpatica, in genere non mi piacciono le persone che sono convinte di avere il mondo in tasca e preferisco chi, partendo da intelligenza, umiltà, pazienza, costanza (eccetera eccetera) riesce a raggiungere gli obiettivi prefissati nel lavoro, in amore, nella vita in genere.
    E che, nel momento delle difficoltà, inevitabili, si sforza di non cadere nella depressione, nella rinuncia, nell’abbandono dei propri ideali (questo può essere un passaggio molto difficile, o doloroso).
    E prediligo chi, correggendo la rotta, progetta e attua nuove strategie (senza perdere di vista valori importanti, ma questo è un altro discorso).
    Comunque, buon lavoro, Ben!
    (e auguri a Luca!)

    • benapfel says:

      Accidenti, simansheela. Che bello che mi hai scoperto! Quello che dici mi fa sentire bene. Parte del mondo. Legittimamente. 🙂
      Grazie.

      Ben

  10. bentrovato ben!
    … finiti i piatti da lavare, i chilometri in macchina e le cacchette-da-pulire di nina … finalmente il tempo di leggere about luca !!
    non intendo assolutamente adularti, ma … “ciò che è più inatteso … è sempre più gradito!!” [massima del giorno]
    mai mi sarei aspettata dal buon vecchio luca barrett una rassegna proto-affittuaria-relazionale … mi piace!!
    so che ci sono persone che realmente la pensano così, articolo per articolo … o almeno, che se ne autoconvincono … giusto per dimostrare, a se stessi e agli altri, di non essere quei romanticoni indefessi , desiderosi-di-passeggiate (dichiaratamente cancri) che invece sono!!
    ci piaci perché sei sempre diverso! perché sai sballonzolare da una disciplina all’altra … folleggiando tra svariate discipline!!

    “ricorda che sai sempre cosa fare, che nulla ti sorprende”
    … è quello che mi ripeto prima di ogni evento o incontro importante (il che include la relazione o il dialogo con qualsivoglia persona del circondario), ma non sempre ci riesco!!
    un bes, dear ben, da me e da nina

    • benapfel says:

      “ricorda che sai sempre cosa fare, che nulla ti sorprende”
      … è quello che mi ripeto prima di ogni evento o incontro importante (il che include la relazione o il dialogo con qualsivoglia persona del circondario), ma non sempre ci riesco!!

      E figurati se ci riesco io, cara Sara…!
      baci a te e alla nina…
      che cominciavo a chiedermi, ” ma dove la tateina?”

      Ben

      • le contingenze quotidiane risucchiano, ma … tateina&nina will be doubtless with you&luca UNTIL THE END!!
        sai che attendiamo con ansia un autografo sulla versione cartacea bestsellers definitiva !!
        scrivi scrivi scrivi … noi leggiamo leggiamo leggiamo!!

      • benapfel says:

        Good to know ‘cause senza di voi passerei il tempo a chiedermi dove ho sbagliato, cosa che non farebbe bene al blomanz…
        gratefully.

        Ben

  11. Simansheela says:

    Ciao, Farefuorilamedusa, sto leggendo i primi capitoli del tuo bloromanzo e trovo che siano molto interessanti, certamente continuerò a leggere la storia di Ben.
    A proposito, ho comprato un cappotto con i (C)alamari, pensi che potremmo conoscerci?
    A risentirci.

    • benapfel says:

      Ciao Simansheela, benvenuta e grazie 🙂
      Certo che potremmo conoscerci. Sempre che tu abbia un cappotto dotato di alamari e anche qualche chilata di calamari da friggere, o anche degli alamari a forma di calamaro e dei calamari a forma di alamaro da friggere 😀
      Un abbraccio Simansheela
      Ben

      ATTENZIONE! MESSAGGIO SUBLIMINALE. NON STACCARE GLI OCCHI DAL MONITOR! – PUOI LEGGERE LE ULTIME SUL PROGETTO SU http://www.facebook.com/farefuorilamedusa – E Se vuoi incollare i nostri adesivi nella tua città chiedici come fare! FINE DEL MESSAGGIO SUBLIMINALE. CHIUDI GLI OCCHI PER UN MINUTO E ALLONTANATI IMMEDIATAMENTE DAL MONITOR!

  12. Simonetta says:

    Ciao… Ben, potevi anche suggerirmelo, prima l’idea di questo contratto. Almeno la bozza….faccio ancora in tempo dopo 43 anni? Sei forte…un vero Supereroe.
    Simonetta

    • benapfel says:

      Ciao Carissima, mille grazie, si fa sempre in tempo, ma è pur sempre illatooscuro, ad averla partorita e io declino ogni responsabilità 🙂
      Un calorosissimo abbraccio, allargato a ittf!

      Ben

  13. Ciao Ben! L’oscurodecalogo è da paura e l’articolo 5 non si può leggere! Sono rimasta basita! Ma come si fanno ad eliminare le coccole?…no veramente non si può. Ma non è il caso che Luca si ricreda? Cioè va bene il cambiamento ma così mi sembra troppo oscuro uffaaaaa. Vabbè, un sorriso per te Ben 🙂

    • benapfel says:

      Lo so, Lila, è tremendo, ho cercato in tutti i modi di farlo ragionare ma niente, dice che si sente molto meglio, che può ricominciare a vivere un vita normale, a sentirsi libero e impegnato allo stesso tempo… L’ho già detto, è come posseduto 🙁
      Un supereorriso a te, Lila!
      🙂

  14. Ciao Ben!
    Ci voleva una sterzata, un cambio di direzione!
    Questa nuova versione di Luca che cerca di riprendersi dai pugni in faccia che ha preso dalla vita è interessantissima e rende tutto molto più reale 🙂

    L’idea del contratto è spettacolare 😛

  15. Valerie says:

    Ein Volltreffer auf Il Nuovo Berlinese.
    Aber das mit den lanweiligen Bücher habe ich nicht ganz richtig verstanden…klingt so etwa wie “große Komponisten ohne Rithmus…”.
    Würde gerne mal darüber plaudern!!!
    Buon lavoro per il 24!
    V*

  16. Mi piace il contratto…. ma mi sembrerebbe più utile dopo più di trent’anni di vita sempre con lo stesso compagno, come nel mio caso, che all’inizio di una storia. Forse illatooscuro non si adatta poi così tanto a Luca?…
    Sempre gradevole, il leggerti…

    • benapfel says:

      Ciaoo fabia, ben ben ben trovata!!! 🙂
      Effettivamente i tipi della setta sono un po’drastici piuttosto fuori di testa… complimenti per i tuoi 30 anni con lo stesso compagno! E sentiti libera di passare copia del contratto agli amici bisognosi di disseminare la loro vita di coppia di paletti assurdi 🙂
      Un grandissimo abbraccio
      Ben

      Ehi hai già letto la mia intervista sul il nuovo berlinese?

  17. Ciao Ben, volevo ringraziarti per il like. complimenti per il racconto – che si legge d’un fiato – e per il progetto, idea interessantissima! continuerò a seguirti. il personaggio di Ettore mi ricorda Stewie Griffin, sempre caustico e confinato nel suo essere un adulto nel corpo di un bambino: sei riuscito però a dargli un tocco originale descrivendone l’attrazione edipica per la madre. In bocca al lupo! Anto

    • benapfel says:

      Grazie mille anto, crepi il lupo.
      un caro saluto!
      Ben

      ATTENZIONE! MESSAGGIO SUBLIMINALE. NON STACCARE GLI OCCHI DAL MONITOR TROPPO BRUSCAMENTE – FARE FUORI LA MEDUSA E’ UN BLOMANZO A PUNTATE. LE NUOVE PUNTATE DI FARE FUORI LA MEDUSA VENGONO PUBBLICATE OGNI MERCOLEDI A MEZZANOTTE PUOI LEGGERE LE ULTIME SUL PROGETTO SU http://www.facebook.com/farefuorilamedusa – FINE DEL MESSAGGIO SUBLIMINALE. CHIUDERE GLI OCCHI PER UN MINUTO E ALLONTANARSI IMMEDIATAMENTE DAL MONITOR!

  18. Ciao Ben! 🙂
    Ma è tutto diverso!! almeno questo capitolo. Vedremo il seguito.
    Confesso che l’ho riletto due volte, forse perché non amo particolarmente contratti e trattative .. ne ho tradotti tanti da avere la nausea del loro formalismo.
    Complimenti comunque per avere adattato il racconto allo stile, lessico e struttura di un testo legale (manca qualcosa alla fine, nella vita reale il contratto sarebbe inficiato e leggo che qualcuno te l’ha già fatto notare, ma io non credo che queste sviste siano casuali…)
    Allora … la palingenesi di Luca si riveste di un nuovo modo di narrare, meno “teatrale” (nel senso di possibilità applicative della storia, come sai è una mia idea fissa, te lo ripeto continuamente).
    Luca tuttavia mi sembra più “teatrale” ora (nel senso di attore); pare (almeno a me) che reciti un ruolo che non sente suo. Ecco perché ha bisogno di razionalizzare tutto in regole che, oltre a essere ovviamente una tutela preventiva, vedo come un segno di insicurezza. Ma allora il cambiamento di Luca è solo formale!! e meno male !! aggiungo (notare la rima :-)). Motivo delle mancanze nella parte conclusiva del contratto: Luca in fondo vorrebbe inficiare l’oscuroLuca…
    Mah, forse sto iper ragionando, quindi passo e chiudo.
    Conclusione? Questo capitolo mi ha incuriosita ancora di più.
    Un mega abbraccio
    Primula ❀

    • benapfel says:

      Primula, i tuoi ragionamenti, il tuo modo di pensare sono spesso in linea con me, anche quando mi sembra che il pensiero dietro la scena sia ben ricoperto da strati e strati di fogliame autunnale. Ma non aggiungo altro, al riguardo. Comunque con primula sale l’egotrip, questo è un fatto. Anche se mi sbugiardi pubblicamente! (incredibile!) 😀
      abbraccioebacio

      Ben

  19. Caro Ben,
    organizza una serata alcolica con Luca, di quelle che si fanno giochi stupidi da ubriachi, si corre ridendo sotto la pioggia e si finisce a fare colazione alle sei di mattina nel peggiore bar vicino alla stazione: ne ha un sacco bisogno! 😀

      • Mah, guarda, il mio primo amore immaginario letterario (almeno ho la scusa che ero adolescente) è stato Guido Laremi (Due di due), per cui quanto a lato oscuro ci siamo… L’idea, però, era che la serata stessa fosse una sorta di liberazione (atea, molto atea).:-)

      • benapfel says:

        Qui non c’è traccia di settereligiose da squalificare, eccezion fatta per la pseudo-setta de illatooscuro che pare, però, andare per la maggiore! Io tifo sempre per l’esorcista. Con buona pace di decarlo di cui tutti giurano scelga i migliori nomi finti di tutte le letterature 😀
        Ma certo, se poi l’esorcista istallasse il rischiosissimo “cristianesimo 3.0” saremmo punto e daccapo…

        Ben

  20. Anch’io stavo passando allatooscuro, e un po’ ci sono caduta, ma sento sempre la voce di Obi Wan che mi riporta sulla carreggiata. Prima o poi anche Luca sentirà dire “Usa la Forza… Luke” 😛

    • benapfel says:

      Ciao nonna! 🙂 I tuoi tempi erano bei tempi!
      A non avere nemici palesi si finisce a “fare a botte” tra di noi o peggio allo specchio 🙂
      Io che non so leggere e non so scrivere, non firmare nulla, e questa è la mia libertà.
      Un abbraccio forte.

      Ben

  21. Valerie says:

    C’è universalità nella vicenda di Luca. Ci diamo tutti una regola “di parte” dopo una situazione irrisolta. O durante…è per non sentirsi cedere del tutto. Quello che sempre mi piace è che in questa storia l’ intenzione interiore diventa realtà. Che poi è quello che succede nella vita vera se sapessimo guardare bene.
    V*

  22. Ahahah! Divertente e originalissimo!
    Un altro centro Ben!
    Solo che… tempo Luca accetterà lui stesso queste regole solo sull’onda del momento. Non credo durerà questa sua appartenenza allatooscuro.
    Grande Ben! 😉

  23. che dire..mi viene in mente solo FANTASTICO! Quanta determinazione fisica e psichica! Ma credo che la tentazione di tornare nellatochiaro sia semplicemente irresistibile… Aspetto Luca al varco quando qualcuno (una donna..) gli sorriderà così, senza motivo, in una grigia mattinata nellatoscuro…..

    • benapfel says:

      Ciao binder!
      🙂 ho le stesse sensazioni. Quello che mi preoccupa e Luca, sembra un exsindacalista; prezzolato e aziendalista. Un po’ mitomane un po’ gigione. Lo odio!
      Scusa lo sfogo, binder e grazie infinite per il tuo ottimismo 🙂

      Ben

  24. Caro Farefuorilamedusa, sto leggendo con grande interesse il tuo romanzo tuttavia trovo che le regole che ti imponi finiranno per uccidere sentimenti ancora sul nascere come quelli tra te e Sara.
    Sono a favore delle regole . E sono una persona che ama rispettarle.
    Tuttavia le regole scritte, in amore, mi fanno grande tristezza e mi deprimono terribilmente. Non possono essere dettate da un preciso, freddo, meticoloso contratto ma venire dall’educazione, dal rispetto che si ha verso l’altro, dal desiderio di andargli incontro senza chiedere nulla in cambio.
    Senza questo, è inutile, anzi estremamente pericoloso iniziare qualsiasi relazione.
    Caro Farefuorilamedusa, posso consigliare a Sara di fuggire lontano e non farsi più ritrovare finché è in tempo?
    Ti saluto con simpatia.

    • benapfel says:

      Cara Marianella, non solo puoi consigliarlo a Sara, ma devi farlo. E’ un dovere civico! Se non lo facessi sarebbe omissione di soccorso con l’aggravante dell’intuito femminile 🙂
      Il lato oscuro è bifronte, equivoco, ambiguo. E Sara pare una preda facile facile…
      Spero che gli avvertimenti arrivino in tempo.
      Un carissimo saluto, Marinella.

      Ben

    • benapfel says:

      Azz! Voglio Sperare che non venga utilizzato da alcuno! Be’ in ogni caso gli si può sempre ridere in faccia, no? Mi auguro che contrattocoatto+amore non diventi una combinazione “letale” 🙂
      Chiedo scusa in anticipo, preparate le liberatorie che li obblighino a non fare uso del contratto! 😀
      State attente là fuori!
      Un abbraccio, ultimatemiliamakeup, e grazie! 🙂

      Ben

    • benapfel says:

      Ciao NSD, grazie. Ma a questo punto è tutto nelle mani di Luca, io sono spesso troppo stanco per indirizzarlo. Non mi va di litigarci, è diventato presuntuoso ed ecco il risultato…
      😀 . Grazie ancora, nonsolodisegni.

      Ben

  25. Ciao Ben! Mi sono molto divertita leggendo questo tentativo di trasformazione di Luca attraverso l’imposizione/autoimposizione di regole che hanno tanto il sapore di un “contratto pre-matrimoliale” più che del suo contrario….
    Luca che da eroe diventa antieroe come dott Jekyll e mr Hyde mi incuriosisce molto….
    Mi chiedo ma Massi e Gabri entrando in questa Setta-Club-Confraternita-Associazione hanno giurato che:
    “La rima regola de illatooscuro è non parlare de illatooscuro!”?
    Un abbraccio e buon lavoro!

    • benapfel says:

      Carissima bloggastorie, non credo siano stati così attenti, probabilmente non hanno neanche visto, tantomeno letto, fightclub. Ma piuttosto il contrario… è come se luca sia stato incoraggiato a parlarne nei suoi scritti come in una sorta di spot televisivo. 😀
      Un abbraccio a te, mia cara!

      Ben

    • benapfel says:

      Eh Marilena, conoscendolo, so che questa scelta va contro le sue naturali inclinazioni ma ammetto di non sapere fino a che punto il suo lato demente possa spingerlo 🙂
      ti abbraccio.

      Ben

    • benapfel says:

      Silvia ai ragione, come dicevo a Sandra, io Lucacinico e scemo lo sopporto a stento, ma continuo a scrivere come incontro a una tormenta e controvento per dovere di cronaca 😉
      Un abbraccio, Silvia, speriamo in tempi migliori!

      Ben

  26. Sa says:

    Credo che sia giunto il momento che anch’io passi al latoscuro. Non mi resta che quello da provare…

    Geniale, ma ho paura che Luca regga ancora per poco, non so, ho come l’impressione che ricomincerà a volare molto presto..

    • benapfel says:

      Buongiorno, Sandra!
      Non farti sedurre dal lato oscuro il suo potere è grande ma il prezzo da pagare altissimo! Questa andava detta con i verbi alla fine e le orecchie orizzontali 🙂
      Spero che tu abbia ragione, non lo sopporto un granché, così.
      Baci&abbracci

      Ben

      Ben

      • Sa says:

        Avrei gradito la frase coi verbi messi a muzzo! Oggi ho bisogno anche di quello… In alternativa andavano bene anche i quesiti del brucaliffo….

  27. Uhm… oltre ai riferimenti anagrafici dei contraenti, mancano il luogo e la data.
    Viste le mancanza di accezioni a riguardo, eccezioni specifiche ed altri balzelli d’Azzeccagarbugli, ho paura si vada verso la nullità.
    E ad esser sincero, la cosa non mi spiace 😉

    Ahahahah, mi sto immaginando la scena di Luca e Sara che presenziano alla lettura del contratto! 😀
    Interessante però notare che sia solo la persona di sesso maschile ad avere bisogno di un testimone. E lo è anche il fatto che questo, nello stesso tempo, possa voler dire due cose opposte. Un po’ come il gatto di Schrödinger 😐

    Sette giorni son veramente troppi dopo un post come questo: son curioso di vedere come la gestisci!

    • benapfel says:

      Ciao Cristian, tu sei uno dei miei lettori più attenti, in effetti considero l’assenza del testimone femminile com uno dei momenti più alti di questo anomalo capitolo! 😀
      Grazie, ti abbraccio.

      Ben

      • Grazie 🙂
        Con quel “è tutta roba che mando a memoria” non ti nascondo di sperare che tu ti sia tradito un po’…
        Peccato avere la certezza che né Gabri, né Massi, alla fine saranno “il padre” di Luca: al momento, nessun Anakin per lui 😀

      • Tu mi predi troppo alla lettera: io parlavo di Anakin, mica di Dart Fener!
        Se non fosse stato per lui, “Luca”, nel lato oscuro, ci piantava le tende lol
        A parte le riflessioni psicologico-stellari, non mi torna molto la concezione di cambiamento. Prima di esprimermi però attendo il prossimo capitolo 😉

      • Ahahahah, te l’ho detto, a me non la fai: a meno che tu non sia in realtà un nuovo Benjamin Malaussène che sta comprendo l’ennesimo J.L.B (se non ti è capitato sott’occhi, è nel “Signor Malaussène”, nell’omonima saga di Daniel Pennac) tu sei Luca, e Nico, e Massi e Gabri, e Sara, ed Ettore, e tutti quei personaggi di contorno come che hanno fatto una fugace ma importante apparizione, dal dottore psicologo ai due ferramenta, nonna di Ettore compresa!
        Anche l’appurata distanza dall’autobiografia pura su cui abbiamo discusso qualche capitolo fa non fa molto testo: infatti, anche se così fosse, e tu quindi ti fossi limitato a riportare “pari pari” come sono andate le cose, sarebbero comunque azioni reali filtrate dalla tua visione personale. Figuriamoci se fosse tutto inventato 😉
        Concludendo la supercazzola filosofica, chi scrive si fa carico del tutto, e basta una tua virgola a modificare la vita dell’intera trama del blomanzo!

        Naturalmente poi ci si deve sommare la soggettività virale che investe noi lettori, che completiamo una rielaborazione ulteriore sia delle azioni che delle emozioni che ogni settimana ci racconti…
        Che è un po’ quello che ho cercato di dire nel mio ultimo post…

      • benapfel says:

        Christian questa ormai annosa questione (breve cronostoria) nasce con te che dici che il mio romanzo è autobiografico ora però improvvisamente salta furori che tutti gli scritti sono inevitabilmente autobiografici. Bene. Ma allora quando hai detto che il mio blomanzo è autobiografico, la prima volta, lo facevi nella misura in cui, lo abbiamo appena scoperto, tutte le opere sono autobiografiche. Dati questi presupposti, il candidato spieghi che senso ha in un mondo in cui tutti i libri sono autobiografici, etichettarne uno come tale. (non rispondere, cristian, ché qui l’alunno sono io. Quello a terzo banco che annaspa sul foglio protocollo. 😀

        Ben

      • Il problema è che io sono ammalato di Verità: quando qualcosa m’interessa molto, mi colpisce, mi entusiasma, non riesco a vivermela in modo pacifico. Ho sete, e cerco in tutti i modi la profondità nei dettagli ed in aspetti che, razionalmente, mi rendo conto siano superflui.
        A questo si aggiunge sempre il disagio nell’aver messo a disagio: non è mia intenzione indispettirti (o indisporti, forse questo termine è più corretto); sono semplicemente partito con i pensieri, appassionato-ignorante di filosofia spiccia e pragmatismo modulare, menefreghista inconsapevole verso il prossimo, incapace di smascherare delle antinomie di passaggio.
        Se poi mi dici di non rispondere ottieni il risultato opposto, figlio di un difetto inestirpabile…
        La natura del supporto che stiamo usando, poi, non fa altro che accentuare le reciproche volontà, ed è così facile – uso una friulanizzazione – “stracapirsi”.
        Che non vuol dire “capirsi troppo”, ma “capirsi male” 😉
        Finché non ci berremo quella bottiglia di Cabernet o di Moscato (massì, buttiamola sul dolce!) non ci sono altre soluzioni: tuo malgrado ti toccherà sopportare altre mie assurde sperequazioni.
        D’altronde, in certi aspetti, io sono esattamente il nome che ho scelto per questo mio avatar!

        P.S. Alza quel braccio, che non riesco a copiare la seconda risposta 😀

      • benapfel says:

        Braccio alzato cris, ma non garantisco sull’esattezza della stessa! io adoro le sperequazioni, comprese le tue, ma quando rispondo a tono tu pensi misia indispettito. Ma io sono solo entrato nel gioco. Se sai giocare all’antico gioco delle parole o alla supercazzola, devi solo supercazzolare e non, dire che mi hai indispettito, sennò interrompi la partita e poi, sì che m’indispettisco. 🙂 o, peggio, mi annoio!

        Ben

      • Dipende dal livello della supercazzola!
        Tu non c’eri, ma proprio ieri a Tatooine il prof. Antani stava cercando di spiegare a Chewbecca (che la pensava esattamente come te) che non puoi riparare prematuramente un raggio traente da destra – pensa tu! – senza l’ausilio di un approccio autobiografico! E questo, naturalmente, ce l’hai solo se bevi Moscato prima di bere Cabernet. Se fai il contrario l’autobiografismo non funziona, nessuno è ancora riuscito a capirne il motivo. Funziona così e basta.
        Dal momento che Chewbecca si stava spazientendo, Ian ha proposto di usare il metodo empirico: hanno preso quattro bottiglie (Ian raccoglieva i dati) ed è finita che Antani discorreva correntemente.
        Il Chewbe ha aperto le braccia, esclamando a malincuore “Whnnnnhhhh” e questo, ne converrai, ti porta solo dalla mia… pardon, da quella di Antani lol
        😉

    • benapfel says:

      😀 Ciao bitchorwise!
      lo scarico ha 2 (due) significati. è il luogo delle paure sepolte, dove si nasconde qualcosa di tremendo la porta di un osceno abisso. e poi è assolutamente identico al simbolo del lato oscuro della forza in guerre stellari.
      un abbraccio! 🙂
      -6gg23h10′

      Ben

      • ahh, colpa della mia totale ignoranza in materia!
        prima o poi lo dovrò guardare guerre stellari..
        osceno abisso….. notte..
        – 6 gg 23 h 21 min……..

Lasciare un commento è sempre una buona idea! B.Apfel